Visualizzazione post con etichetta Đorđe Balašević. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Đorđe Balašević. Mostra tutti i post

domenica 27 febbraio 2011

Drago mi je zbog mog starog - Đorđe Balašević

Drago mi je zbog mog starog (sono felice per il mio vecchio) è una canzone del cantautore serbo Đorđe Balašević. Visualizza il video su Youtube.

----------------------


Drago mi je zbog mog starog
Mi fa piacere per il mio vecchio
Što sam bez škole krenuo od dole i post'o car
che senza scuola sono partito da giù e sono diventato imperatore
Dobro se sećam, posle zvuka poslednjeg zvona
mi ricordo bene, dopo il suono dell'ultima campana
Trk od škole do stadiona
la corsa dalla scuola allo stadio
Bio sam sretan
Ero felice

Tačno pamtim dan, trening prvi i 'Mali ima fudbal u krvi'
mi ricordo esattamente il giorno, il primo allenamento e "Il piccolo ha il calcio nel sangue"
I onda 'Trči', i onda 'Lezi'
e allora "Corri", e poi "sdraiati"
Nekad' po kiši, nekad' po žezi
a volte sotto la pioggia, a volte con la calura

To su bili teški dani, al' sve je prošlo
Questi erano giorni duri, ma tutte è passato
Vreme je došlo da vladam ja
per me è arrivato il momento di regnare

Moj stari veruje, možda preteruje
Il mio vecchio crede, forse esagera
Kad' kaže da sam bolji od svih
quando dice che sono meglio di tutti
Drago mi je zbog mog starog
Mi fa piacere per il mio vecchio
Što sam od trnja stig'o do zvezda za tili čas
che dalle spine (stalle) sono arrivato alle stelle in un attimo

Kad' pružim dobar meč, on vodi glavnu reč
Quando offro (gioco) una buona partita, lui ha la parola principale
I pita: 'Da l' je selektor slep?'
e chiede: "Ma il selettore è cieco?"
Drago mi je zbog mog starog
Mi fa piacere per il mio vecchio
On sada ima moć da pred svima podigne glas
lui adesso ha il potere di alzare la voce davanti a tutti

U ime sporta, ja sam glavi rekao: 'Zbogom'
Nel nome dello sport, dissi "Addio" alla mia testa
Pa sam slavu stekao nogom
e rincorsi la gloria con i piedi
Takva smo sorta, brdo love kvari nas lako
Siamo di questa sorte, la montagna dei soldi ci rovina facilmente
I onda đonom startuje svako
e allora chiunque inizia a "giocare sporco"
I nema 'Driblaj', i nema 'Dodaj'
e non c'è "Dribla", e non c'è "Passa"
Već samo ima 'Dobro se prodaj'
ma ormai c'è solo "Venditi bene"
Zbogom davni ideali
Addio lontani ideali
Manje mi smeta prvenstvo sveta neg' prazan džep
mi disturba meno il campionato mondiale che la tasca vuota

Moj stari veruje, možda preteruje
Il mio vecchio crede, forse esagera
Kad' kaže da sam bolji od svih
quando dice che sono meglio di tutti
Drago mi je zbog mog starog
Mi fa piacere per il mio vecchio
Što sam od trnja stig'o do zvezda za tili čas
che dalle spine (stalle) sono arrivato alle stelle in un attimo

Kad' slabo zaigram, on pije sasvim sam
Quando gioco male, lui beve del tutto solo
I kaže: 'Trener kriv je za sve'
e dice: "L'allenatore è colpevole di tutto"
Drago mi je zbog mog starog
Mi fa piacere per il mio vecchio
On sada ima moć da pred svima podigne glas
lui adesso ha il potere di alzare la voce davanti a tutti
Drago mi je zbog mog starog
Mi fa piacere per il mio vecchio
On sada ima moć da pred svima podigne glas
lui adesso ha il potere di alzare la voce davanti a tutti


VOCABOLI
bez - senza
brdo - montagna
car - imperatore
dan - giorno
dobro - bene, buono
dodati - aggiungere, passare
džep - tasca
glas - voce
imati - avere
ja - io
kad - quando
kazati - dire
kiša - pioggia
krenuti - partire
krv - sangue
kvariti - rovinare
lova - soldi
mali - piccolo
meč - match, partita
moć - potere
moj - mio
možda - forse
noga - gamba, piede
pamtiti - ricordare
pitati - chiedere
piti - bere
postati - diventare
prazan - vuoto
pretjerati - esagerare
prodati se - vendersi
pružiti - porgere
prvenstvo - campionato
prvi - primo
samo - solamente
selektor - selettore
sjetiti se - ricordarsi
slava - gloria
slijep - cieco
sretan - felice
stadion - stadio
stari - vecchio
sve - tutto
škola - scuola
trener - allenatore
trening - allenamento
trčati - correre
trnje - cespugli spinosi
vjerovati - credere
vladati - regnare
vrijeme - tempo
zbog - a causa di, per
zbogom - addio
zvijezda - stella
zvono - campana
zvuk - suono
žega - calura

domenica 28 novembre 2010

Ne lomite mi bagrenje

Ne lomite mi bagrenje (non spezzatemi le acacie) è una canzone del cantautore serbo Đorđe Balašević. Visualizza il video su Youtube.

---------------------- 

Verujem cenjeni sude
Credo onorevole giudice
da dobro poznaješ ljude
che conosci bene la gente
vi barem imate posla
Lei almeno ha lavoro
jer ćud je ćud, a sud je sud.
perché l'indole è l'indole, ma il tribunale è il tribunale.

Verujem cenjena glavo
Credo vostro onore (onorevole testa)
da si i ućio pravo
che hai anche studiato il diritto
da svakom sudiš pošteno
per giudicare tutti in modo onesto
jer čast je čast, a vlast je vlast.
perché l'onore è l'onore, ma l'autorità è l'autorità.

I sve po zakonu,
E tutto secondo la legge,
za to sam prvi
per questo sono il primo
ne bi bilo ove krvi
non ci sarebbe stato questo sangue
da je bilo sve po zakonu.
se fosse stato tutto secondo la legge.

Vlast je vlast, sve ja to poštujem
Il potere è il potere, io rispetto tutto ciò
tu su paragrafi, pa zagrabi
qui ci sono i paragrafi, e prendili
nek' isto je i djavolu i djakonu
che sia lo stesso sia per il divaolo che per il diacono
i nek' se zna.
e che si sappia.

Nek' su mi gazili njivom
Alcuni mi hanno calpestato il campo
mojom se sladili šljivom
si abbuffavano con le mie prugne
uvek je lopova bilo
i ladri ci sono sempre stati
jer ćuk je ćuk a vuk je vuk.
perché la civetta è la civetta ma il lupo è il lupo.

Nikada zlotvora dosta
Di delinquenti non ce n'è mai abbastanza
suša mi uništi bostan
la siccità mi devasta l'orto
i led se prospe pred žetvu
e il ghiaccio si sparge prima della mietitura
al' led je led, a red je red.
ma il ghiaccio è il ghiaccio e l'ordine è l'ordine.

I prekardašilo
E ha oltrepassato
im'o sam bagremovu šumu
avevo un bosco di acacie 
tamo dole prema drumu
laggiù verso la strada
pa sam čekao.
e aspettavo.

Red je red, polako komšije
L'ordine è l'ordine, piano vicino
ne može samo da se udje,
non si può solo entrare,
da se ruši tudje
e rompere le cose altrui,
lepo sam im rekao:
gli dissi chiaramente:

Ne lomite mi bagrenje
Non spezzatemi le acacie
bez njih će me vetrovi oduvati
senza di esse i venti mi porteranno via
pustite ih moraju mi čuvati
lasciatele stare perché devono custodire
jednu tajnu zlatnu kao dukati.
un segreto d'oro come i ducati.

Ne lomite mi bagrenje
Non spezzatemi le acacie
pod njima sam je ljubio
sotto di esse la baciavo
bosonogu i odbeglu od sna.
scalza e fuggita dal sonno.

Ljudi smo cenjeni sude
Siamo persone onorevole giudice
pa neka bude šta bude
che sia quel che sia
žao mi je marama crni
mi dispiace scialle nero
al' plač je plač, a mač je mač.
ma il pianto è il pianto e la spada è la spada.

Ne pitaj šta bi sad' bilo
Non chiedere cosa sarebbe adesso
kad' bi se ponovo zbilo
se succedesse di nuovo
ne pitaj da li se kajem
non chiedere se mi pento
jer jed je jed, a red je red
perché l'arrabbiatura è l'arrabbiatura, ma l'ordine è l'ordine.

I sve po zakonu
E tutto secondo la legge
tu su paragrafi
qui ci sono i paragrafi
pa zagrabi pošteno
e prendi onestamente
i za veru i za nevera.
sia per la religione che per il laicismo.

Red je red,
L'ordine è l'ordine,
sve ja to poštujem
io rispetto tutto questo
jer više bilo bi ubica
perché ci sarebbero più assassini
nego ptica koje odleću ka severu.
che uccelli che migrano verso nord.

Ne lomite mi bagrenje
Non spezzatemi le acacie
bez njih će me vetrovi oduvati
senza di essi i venti mi porteranno via
pustite ih moraju mi čuvati
lasciatele stare perché devono custodire
jednu tajnu zlatnu kao dukati.
un segreto d'oro come il ducato.

Ne lomite mi bagrenje
Non spezzatemi le acacie
pod njima sam je ljubio.
sotto di esse la baciavo.
O, zar moram da vam ponovim
O forse devo ripetervelo
okanite se njih, jer sve ću
state alla larga da loro, perché altrimenti vi
da vas polomim.
spezzo tutti.


VOCABOLI:
bagrem - acacia
barem - almeno
bosonog - scalzo
cenjen - onorevole, spettabile
crniti - annerire
čast - onore, dignità, rispetto
čekati - aspettare
čuvati - custodire, proteggere
čuk - civetta
ćud - temperamento, indole
dobro - bene
djavol - diavolo
đakon - diacono
gaziti - calpestare
glava - testa
imati - avere
jer - perché
komšija - vicino di casa
krv - sangue
led - ghiaccio
ljubiti - baciare
lomiti - rompere, spezzare
lopov - ladro
ljudi - gente
mač - spada
marama - fazzolezzo, scialle
nikad(a) - mai
njiva - campo coltivat
pitati - chiedere
plač - pianto
polako - piano, lentamente
ponoviti - ripetere
posao - lavoro
pošten - onesto
poštovati - rispettare
poznati - conoscere
pravo - diritto
prvi - primo
pustiti - lasciare
red - ordine, fila
rušiti - abbattere, demolire, distruggere
sud - tribunale
sudac - giudice
suditi - giudicare
suša - siccità
sve - tutto
šljiva - prugna
šuma - bosco
tajna - segreto
učiti - studiare
uništiti - distruggere
vlast - potere, autorità
vuk - lupo
zagrabiti - prendere
zakon - legge
žetva - raccolto, mietitura

giovedì 25 marzo 2010

Neki novi klinci

Neki novi klinci (alcuni nuovi bambini) è una canzone del famosissimo cantautore serbo Đorđe Balašević. Visualizza il video su Youtube.

-------


Moj deda već dugo ore nebeske njive,
Mio nonno già da tanto (tempo) ara i campi celesti,
ali baka još čuva sve stvari i sliku našeg sveca.
mentre la nonna ancora custodisce tutte le cose e la foto del nostro santo.
Na dan kad sam rođen, tu je posađen orah,
Il giorno in cui sono nato, qui è stato piantato un (albero di) noce,
i u avliji pod gustom krošnjom sad igraju se deca.
e nel cortile sotto la fitta chioma adesso giocano i bambini.

Neki novi klinci...
Dei nuovi bambini...

Kroz maglu treperi devet sveća na torti
Attraverso la nebbia tremolano nove candeline sulla torta
tad sam dobio par mandarina i malog belog zeca.
allora ricevetti un paio di mandarini e un piccolo coniglio bianco.
U maju još uvek zriju komšijske bašte,
A maggio ancora maturano i cortili dei vicini,
ali trešnje i zelene kajsije kradu druga deca.
e le ciliegie e albicocche verdi le rubano altri bambini.

Neki novi klinci...
Dei nuovi bambini...

Moj drugar Milutin, druga klupa do vrata,
Il mio compagno Milutin, secondo banco dalla porta,
ima klinca od četiri i po i uči ga da peca.
ha un bambino di quattro (anni) e mezzo e gli insegna a pescare.
Ponekad ga sretnem, mahne kroz prozor kola,
Talvolta lo incontro, mi fa cenno attraverso il finestrino dell'auto,
a u porti, za loptom sad jurcaju neka druga deca.
e all'entrata dietro al pallone ora corrono altri bambini.

A ja, ja se kockam sa prevarantom životom,
E io, io gioco a dadi con la vita truffatrice,
iz rukava on svakoga dana izvuče nekog keca.
dalla manica lui (lei) ogni giorno estrae qualche asso.
I stariji mi kažu: "Sad si u pravom dobu!"
E i vecchi mi dicono: "Ora sei nel periodo giusto!"
A u ulici Jovana Cvijića rastu druga deca.
Nella via Jovan Cvijić (geografo serbo) crescono altri bambini.

Neki novi klinci...
Dei nuovi ragazzi... 


VOCABOLI:
avlija (in croato dvorište) - cortile
baka - nonna
bel (in croato bijel) - bianco
četiri - quattro
čuvati - custodire, badare
dan - giorno
deca (in croato djeca) - bambini
deda (in croato djed) - nonno
devet - nove
doba - epoca, periodo
dobiti - ricevere
drugar - compagno
drugi - altri
gust - denso, fitto
igrati se - giocare
imati - avere
izvući - tirar fuori, estrarre
ja - io
još - ancora
kad - quando
kajsija (in croato marelica) -albicocca
kazati - dire
kec (in croato as) -asso
klinac -bambino
klupa - banco
kockati se - giocare a dadi
komšija (in croato susjed) - vicino di casa
krasti - rubare
krošnja - chioma dell'albero
kroz - attraverso
lopta - pallone
magla - nebbia
maj - maggio
mali - piccolo
moj - mio
naš - nostro
nebeški - del paradiso, celeste
neki - alcuni, cert, qualche
njiva - campo coltivato
nov - nuovo
orah - noce
orati - arare
par - paio; coppia
pecati - pescare
pola - mezzo, metà
ponekad - talvolta
posaditi - piantare
prevarant - truffatore, imbroglione
prozor - finestra
rasti - crescere
roditi se - nascere
rukav - manica
sad(a) - adesso
slika - foto, immagine
sresti - incontrare
star - vecchio, anziano
stvar - cosa
svaki - ogni
sveća (in croato svijeća) - candela
svetac - santo
tada - allora
treperiti - tremolare, vibrare
trešnja - ciliegia/o
učiti - insegnare
ulica - via, strada
već - già
vrata- porta
zec - coniglio, lepre
zelen - verde
zreo - maturo
život - vita

Alcune parole del testo sono scritte in serbo (che a differenza del croato tende a omettere le lettere "j" o "ij" prima della lettera "e"): deda(serbo)-djeda(croato), deca-djeca, bel-bijel, sveća-svijeća.

mercoledì 3 marzo 2010

Prva ljubav

Prva ljubav (il primo amore) è una delle più note canzoni del cantautore serbo Đorđe Balašević. Visualizza il video su Youtube.

----------


Tad još nisam ništa znao
Allora ancora non sapevo nulla
i još nisam verovao,
e ancora non credevo,
da na svetu tuge ima.
che nel mondo c'è tristezza.

Jedino mi važno bilo
Solamente era importante
da postanem levo krilo
diventare l'ala sinistra
il' centarfor školskog tima.
o l'attaccante centrale della squadra della scuola.
Tad sam iznenada sreo
Allora improvvisamente incontrai
najtoplijeg leta deo,
la più calda parte dell'estate,
to su njene oči bile.
questo erano i suoi occhi.

Imala je kose plave
Aveva i capelli biondi
i u njima na vrh glave
e in loro in cima alla testa
belu mašnicu od svile.
un bianco fiocco di seta.

Prva je ljubav došla tiho, nezvana, sama,
Il primo amore arrivò silenziosamente, non chiamato, solo,
za sva vremena skrila se tu negde, duboko u nama.
per tutti i tempi si nascose qui da qualche parte, profondamente in noi.

Kad je prošlo đačko vreme,
Quando passò il tempo studentesco,
padeži i teoreme
le declinazioni e i teoremi
i stripovi ispod klupe,
e i fumetti sotto il banco,

nije više bila klinka,
non era più bambina,
počela je da se šminka
iniziò a truccarsi
i da želi stvari skupe.
e desiderare cose costose.

Tako mi je svakog dana
Così ogni giorno
bivala sve više strana,
mi era sempre più estranea,
slutio sam šta nas čeka.
sentivo cosa ci attendeva.

Pa sam prestao da brinem
Smisi di preoccuparmi
kako da joj zvezde skinem,
come toglierle le stelle,
postala mi je daleka.
mi diventò lontana.

Prva je ljubav došla tiho, nezvana, sama,
Il primo amore arrivò silenziosamente, non chiamato, solo,
za sva vremena skrila se tu negde, duboko u nama.
per tutti i tempi si nascose qui da qualche parte, profondamente in noi.

Danas je na sedmom nebu,
Oggi è al settimo cielo,
kažu mi da čeka bebu.
mi dice che aspetta un bimbo.
Našla je sigurnost, sreću, dom...
Ha trovato la sicurezza, la felicità, la casa...

Ima muža inžinjera
Ha un marito ingegnere
pred kojim je karijera
davanti al quale c'è la carriera
i mesto u društvu visokom.
e un posto alto in società.

Ja još kradem dane bogu.
Io ancora rubo i giorni a dio.
Ja još umem, ja još mogu
Io ancora so, io ancora posso
da sam sebi stvorim neki mir.
creare a me stesso una tranquillità.

Još sam sretan što postojim,
Ancora sono felice che esisto,
pišem pesme, zvezde brojim.
scrivo canzoni, conto le stelle.
Još sam onaj isti vetropir.
Ancora sono quello stesso "irresponsabile".

Prva je ljubav došla tiho, nezvana, sama,
Il primo amore arrivò silenziosamente, non chiamato, solo,
za sva vremena skrila se tu negde, duboko u nama.
per tutti i tempi si nascose qui da qualche parte, profondamente in noi.


VOCABOLI:
beba - bimbo/a
bela (in croato bijela) - bianca
biti - essere
bog - dio
brinuti se - preoccuparsi
brojiti - contare (i numeri)
centarfor - attaccante centrale
čekati - attendere, aspettare
dalek - lontano, distante
dan - giorno
danas - oggi
doći - arrivare, venire
dom - casa
društvo - società, associazione; compagnia di amici
dubok - profondo
đačko - studentesco
glava - testa
imati - avere
inženjer -ingegnere
ispod - sotto, al di sotto
isti - uguale, stesso
iznenada - improvvisamente
ja - io
jedino - solamente
još - ancora
karijera - carriera
kazati - dire
klinka - bambina
klupa - banco di scuola (significa anche panca o bancarella)
kosa - capello
krasti - rubare
krilo - ala
leto (in croato ljeto) - estate
leva (in croato lijeva) - sinistra
ljubav - amore
mašnica - fiocco
mesto (in croato mjesto) - posto, luogo
mir - pace, tranquillità
moći - potere
muž - marito
naći - trovare
nebo - cielo
nezvana - non chiamata
ništa - niente
oči - occhi
padež - declinazione (grammaticale)
pisati - scrivere
pjesma - canzone
plav - azzurro (se si riferisce ai capelli significa biondo)
početi - iniziare
postati - diventare
postojati - esistere
prestati - smettere, cessare
proći - passare, attraversare
prvi - primo
sama - sola
sedmi - settimo
sigurnost - sicurezza
skinuti - togliere, rimuovere
skup - caro, costoso
slutiti - sentire, presagiare
sreća - felicità, fortuna
sresti - incontrare
stran - estraneo
strip - fumetto
stvar - cosa
stvoriti - creare; procurare
svaki - ogni, ciascuno
svet (in croato svijet) - mondo
svila - seta
školski - scolastico
šminkati se - truccarsi
tad(a)- allora
teorem - teorema
tiho - silenziosamente
tu - qui
tuga - tristezza
umeti (è in serbo, in croato sarebbe znati) - sapere
važan - importante
verovati (in croato vjerovati) - credere
visok - alto
vreme (in croato vrijeme) - tempo
vrh - vetta, cima
znati - sapere
zvezda (in croato zvijezda) - stella
željeti - desiderare

In questa canzone si possono notare alcune differenze nel modo di scrivere la stessa parole in serbo e in croato: bela(serbo)-bijela(croato), leto-ljeto, leva-lijeva, mesto-mjesto, svet-svijet, verovati-vjerovati, vreme-vrijeme, zvezda-zvijezda. Laddove in croato c'è la lettera "j" o "ij" in serbo viene semplicemente omesso.